Ottimizzare la SEO per posizionare al meglio il sito web aziendale: ecco come fare

Ottimizzare la SEO per posizionare al meglio il sito web aziendale ecco come fare

SEO è l’acronimo per Search Engine Optimization, e chiunque si trovi a lavorare con i siti internet e con il traffico utenti in ingresso non può non averne sentito parlare.
La SEO è l’insieme di tutte le tecniche e procedure adottate dai gestori di un sito web, sia all’interno delle pagine che all’esterno del sito, per migliorare il posizionamento del proprio portale.
I motori di ricerca, infatti, dispongono di algoritmi molto sofisticati che “valutano” tutte le pagine web pertinenti rispetto alla keyword inserita da un utente, e decidono l’ordine con cui mostrarle. Nel fare ciò, gli algoritmi tengono in considerazione diversi criteri, che sono proprio quelli sui quali agisce la SEO.

Ecco, dunque, quali sono alcune delle strategie da curare per posizionare al meglio il proprio sito web.

Link building e responsiveness: due arme vincenti

Come già accennato, la SEO non riguarda esclusivamente elementi tecnici presenti all’interno del sito web stesso, ma comprende anche una serie di strategie atte ad aumentare il valore delle proprie pagine sfruttando i riferimenti provenienti da siti terzi.
Questa procedura, più nel dettaglio, prende il nome di link building. L’idea di fondo è molto semplice: se vi sono diverse pagine di altri siti web che rimandano a un altro indirizzo, vuol dire che quest’ultimo è autorevole.
Mettere a punto un’adeguata strategia di link building può, dunque, segnare il punto di svolta.
Come suggerito al sito https://www.spider-link.it/, non bisogna strafare. La quantità dei backlink è certamente importante, ma lo è decisamente di più la qualità. È importante per un backlink, ad esempio, trovarsi a inizio della pagina, perché in questo modo il punteggio attribuito dai motori di ricerca è maggiore.

Un altro elemento spesso sottovalutato, ma di grande importanza per posizionare il proprio sito web, è la responsiveness. Gran parte del traffico dati, ad oggi, non avviene da computer, bensì da smartphone e tablet, che hanno ovviamente uno schermo molto ridotto. Il sito web, per poter essere considerato autorevole, deve essere responsive, quindi deve adattare i propri contenuti allo schermo da cui avviene la navigazione, senza ovviamente pregiudicare la qualità delle informazioni.

Stimare se il proprio lavoro è un buon lavoro

E come sapere se si sta facendo bene? La risposta a questo quesito possono offrirla diversi strumenti di analisi delle strategie SEO, che possono valutare il proprio sito web sulla base di diversi criteri. È dunque estremamente importante includere nella propria strategia SEO una fase di valutazione, il cui obiettivo è quello di andare a rivedere completamente il programma per migliorare i punti deboli dell’intera strategia.

Tuttavia, è ancora più importante affidarsi a degli esperti del settore. Con gli anni, le tecniche SEO sono cambiate profondamente, perché lo stesso cambiamento è stato osservato negli algoritmi dei motori di ricerca. E il cambiamento è tuttora in corso: gli algoritmi sono infatti soggetti ad aggiornamenti e a modifiche, che solo chi è del settore può cogliere nell’immediato.

Inoltre, la SEO è l’elemento principale che determina il successo o la disfatta di un sito web. Si tratta dunque di qualcosa di prezioso, che non può essere lasciato al caso o nelle mani di persone che, non essendo del settore, non hanno le competenze per gestirla. Pertanto, il consiglio è quello di affidarsi a un esperto SEO professionale e riconosciuto.