Categorie
Casa

Le differenze tra carati e come viene quotato l’oro nei negozi compro oro

Capita spesso che, specie a chi non è esperto di gioielleria, si indotto in confusione dal significato dalla parola carato. Questo può essere particolarmente fastidioso quando ci si trova nelle condizioni di acquisto di un gioiello o nella vendita di monili presso un negozio di Compro Oro di Roma.

Nel settore ci sono due principali significati della parola carato in base a che cosa ci si sta riferendo. Come si fa a capire di che cosa si sta parlando? Vediamo di fare un po’ di luce.

L’origine della parola carato

Sembra strano ma per capire il significato della parola carato bisogna andare parecchio indietro nel tempo. Molti di noi hanno familiarità con la carruba, che viene spesso utilizzata come sostituto del cioccolato. Pochi di noi, tuttavia, sanno che entrambi i significati di carati risalgono alle carrube. I carrubi sono cresciuti nella regione mediterranea fin dall’antichità. Gli alberi producono piccoli baccelli di semi commestibili contenenti carrube. I chicchi di carruba hanno dimensioni insolitamente costanti. Ciò significa che i semi di carruba di solito pesano tutti allo stesso modo, indipendentemente da dove o quando raccolti.

Questa caratteristica del peso costante ha portato i semi di carruba a diventare un’unità di peso nei primi tempi. Dall’antica Grecia arrivano i documenti scritti che parlano di peso in relazione alle carrube. Nel 1500, gli alchimisti latini, usando ancora i chicchi di carruba come unità base di peso, misurarono le cose in base al carratus. I carati sono i moderni derivati ​​del carratus.

Nel corso della storia fino al giorno d’oggi questa parola ha assunto due significati diversi anche se nello stesso ambito. Il carato è infatti un’unità di peso se si parla di pietre preziose ma diventa un indice di purezza se si parla di oro. Nel mondo anglosassone questa parola è indicata come karat, abbreviato con la lettera K, quando si parla di purezza dell’oro, mentre si usa carat in caso ci si sta riferendo al peso di una pietra e viene usata l’indicazione Ct.

Quanto pesa un carato?

La cosa importante da ricordare, quando si parla di pietre preziose, è che un carato è un’unità di peso, non un’unità di dimensioni. Un carato di una pietra densa (pesante) sarà più piccolo di un carato di una pietra più leggera. Ad esempio, uno zaffiro di un carato sarà più piccolo di un diamante di un carato, perché gli zaffiri sono più pesanti dei diamanti. Il carato (Ct) come unità di peso è pari a 0,20 grammi. Una pietra preziosa di 5 carati vuol dire quindi che ha un peso di 1 grammo.

Quando il carato è indice di purezza?

Quando si parla di oro avrai sicuramente sentito delle indicazioni tipo 18 o 24 carati. In questo ambito il peso non c’entra nulla ma si sta parlando della purezza del monile o del lingotto d’oro in oggetto. Questa misurazione utilizza una base di 24 unità. L’oro puro è chiamato oro 24 carati (24K).

Poiché l’oro è un metallo morbido, altri componenti vengono aggiunti per renderlo più duro formando una lega d’oro. I metalli più comuni utilizzati nelle leghe d’oro sono argento, rame, nichel e zinco. Le leghe d’oro più comuni ed usate in gioielleria sono l’oro 14K e l’oro 18K. Rendere la lega d’oro piu’ dura dell’oro puro è indispensabile per creare anelli, pendenti, orecchini o gioielli che contengano una pietra incastonata.

Quando acquisti oro o oggetti fatti con, ricorda che maggiore è il numero di carati, maggiore è la percentuale di oro ma solo l’oro a 24 carati è al 100% puro.

Anche quando ti trovi nella condizione di dover vendere un gioiello ad un negozio di Compro Oro il totale che ti verrà corrisposto sarà ottenuto moltiplicando il prezzo di acquisto per il peso dell’oro puro contenuto nel tuo monile (e non sul peso totale dell’oggetto stesso).