Casa all’asta? Ecco come puoi opporti

Casa all'asta Ecco come puoi opporti

Questi ultimi anni, tra pandemia e guerra, hanno messo in ginocchio milioni di persone dal punto di vista economico. Anche in Italia, purtroppo, abbiamo assistito ad un aumento del numero di nuovi poveri e la situazione potrebbe addirittura peggiorare, complici anche gli aumenti impressionanti delle bollette.

In questa situazione ci sono persone che si trovano sommerse dai debiti, tanto che vedono la propria casa finire all’asta. Si tratta di una situazione drammatica e anche umiliante, ma per fortuna esiste una possibilità per evitare il pignoramento prima casa https://www.legge3.it/come-salvare-la-casa-allasta-e-davvero-possibile/ grazie soprattutto alla Legge 3, conosciuta anche come salva suicidi.

Quindi, se ti trovi in questa situazione sappi che esiste la soluzione per uscirne e ripartire. Abbandona immediatamente pensieri estremi, perchè gesti sconsiderati non sono certo la soluzione definitiva ai tuoi problemi, anzi.

Appare evidente dunque che molto spesso ci si chiede proprio se è possibile in qualche modo salvare la propria prima casa dal pignoramento. In questo articolo vogliamo darti tutte le informazioni del caso.

Perchè la casa finisce all’asta?

Prima di entrare nei dettagli però vediamo quali sono i motivi principali che fanno finire la casa all’asta.

Partiamo dal presupposto che, solitamente, quando si acquista casa non si ha a disposizione tutta la liquidità necessaria. Per questo motivo quindi ci si deve rivolgere alla banca per chiedere un mutuo che, una volta accettato, ti impegna a versare ogni mese una rata. La banca di fatto mette un’ipoteca sulla tua casa, quindi in caso di mancati pagamenti da parte tua può riprendersi l’immobile e metterlo all’asta.

D’altronde lo sappiamo, un’ipoteca su un bene immobile è una garanzia estremamente importante e, in caso di difficoltà, si disposti a seguire questa strada proprio per avere a disposizione della liquidità.

La casa viene pignorata per un motivo molto semplice, ovvero c’è un debito che non è stato pagato. In questo caso quindi il creditore mette in moto le pratiche per recuperare il proprio credito con ogni mezzo, aggredendo di fatto tutti i tuoi beni, casa compresa.

Attenzione poi ai falsi miti, se qualcuno ti ha detto che la prima casa non è mai pignorabile sappi che si tratta di una grossa falsità. Esistono ovviamente alcuni limiti che permettono in qualche modo di non pignorare la prima casa, ma questi valgono solamente in presenza di determinati requisiti e solo se il creditore è Equitalia.

Casa all’asta, quando succede?

Il linea generale una casa finisce all’asta e quindi può essere pignorata, nel momento in cui il prestito o il mutuo vengono revocati dal creditore, come previsto dal contratto in essere.

Per farti capire meglio prendiamo un esempio pratico, ovvero il mutuo. Se noti, nel contratto di mutuo stipulato tra te e la banca esiste una clausola chiamata decadenza del beneficio del termine.

Questa clausola ha un significato estremamente chiaro, la banca ti concede il mutuo ma pretende il pagamento regolare ogni mese. Se tu salti delle rate la banca pretenderà la restituzione immediata di tutto il debito, altrimenti ti sarà pignorata la casa. Di solito la decadenza del beneficio del termine avviene se non paghi sette o otto rate.

Casa all’asta, ecco come salvarti

In tuo favore interviene la Legge 3/2012. Devi sapere infatti che, prima che entrasse in vigore questa Legge, se la casa finiva all’asta tu avresti perso tutto e, soprattutto, sarebbero rimasti a tuo carico tutti i debiti pregressi. Di fatto era impossibile ripartire.

Con la Legge 3, purtroppo la casa finirà comunque all’asta, però tu avrai modo di concordare un piano di rientro che ti permetterà di pagare i tuoi debiti in rate mensili, così facendo potrai finalmente ricostruirti una vita ripartendo pulito.

Non solo, la Legge 3 prevede che tu possa cancellare una grossa parte dei debiti pregressi.